Potsdamer Platz a Berlino

Una piazza dalle molte anime

Berlino è una città capace di coniugare storia e modernità, e di re-inventarsi continuamente, con quartieri che hanno vissuto profondi cambiamenti. E’ il caso di Potsdamer Platz, una zona di Berlino che ha vissuto vari momenti di popolarità e declino.

Potsdamer Platz nel Novecento

Potsdamer Platz all’inizio del Novecento era una piazza vivace, con bei negozi, grandi alberghi e caffè alla moda. Era anche un punto di grande passaggio e scambio merci, con 5 importanti strade che si intersecavano, trafficate da decine di migliaia di persone e veicoli di ogni tipo.

Durante la Seconda Guerra Mondiale come molte altre aree di Berlino fu distrutta dai bombardamenti. Con la costruzione del muro, vennero lasciate delle zone “cuscinetto”, prive di costruzioni, e subì un lento declino durato 40 anni.

La rinascita di Postdamer Platz

Nel 1989, dopo la caduta del muro, Berlino si presentava come una città con ampi spazi da riempire e da tutto il mondo gli archi-star fecero a gara per lasciare il segno. 

Proprio Potsdamer Platz fu al centro dell’attenzione di architetti di fama internazionale come Renzo Piano, Richard Rogers, Arata Isozaki e Helmut Jahn, che negli anni Novanta si misero all’opera innalzando grattacieli e palazzi, trasformando Potsdamer Platz in un quartiere all’avanguardia con centri commerciali, cinema, ristoranti, uffici.

Curiosità su Potsdamer Platz

Il Sony center

Uno dei punti più fotografati di PotsdamerPlatz è il Sony Center, che ospita uffici, negozi, ristoranti, cinema e luoghi di divertimento. E’ composto da 7 edifici, ma l’elemento più riconoscibile e instagrammatoè la cupola di vele che ruotano e cambiano colore, bellissime di notte, che da lontano richiamano l’immagine del Monte Fuji.

Il luogo migliore per ammirare la cupola dall’alto è dal Panorama punkt, un punto panoramico a 100 metri d'altezza, a cui si accede con l’ascensore più veloce d'Europa. La salita è a pagamento, e c’è anche un bar dove poter mangiare una fetta di torta ammirando lo skyline di Berlino.

 

Legoland Discovery Center

Se hai figli, una meta da non perdere a Potsdamer Platz è il Legoland Discovery Center, nel sottosuolo del Sony Center. Una sorta di parco divertimenti per bambini piccoli, dove poter costruire, smontare e giocare con i celebri mattoncini colorati – oltre 5 milioni di mattoncini a disposizione! - oltre ad altre piccole attrazioni, come la ricostruzione di Berlino in miniatura. L’ingresso è a pagamento, ma è una buona idea per passare un pomeriggio di pioggia!

Il nome della piazza

Potsdamer Platz prende il suo nome dall’omonima porta, che conduceva alla cittadina Potsdam, dove aveva deciso di vivere il re Federico il Grande (1740) re di Prussia. La porta di Postdam, come le altre 18 storiche porte di ingresso a Berlino, erano un modo per controllare entrate e uscite dalla città, nonché per esigere il pagamento di dazi per le merci in transito. La più famosa di queste porte, arrivata fino ad oggi, è la Porta di Brandeburgo a circa 1 km di distanza. 

Il primo semaforo di Berlino 

Potsdamer Platz a inizio Novecento era davvero molto trafficata: si intersecavano ben cinque strade e ci transitavano talmente tanti mezzi da richiedere l’inserimento del primo semaforo in città! Pare che nel momento di massimo sviluppo della piazza più di 100.000 persone, 20.000 macchine e carrozze a cavalli oltre a migliaia di biciclette passassero quotidianamente nella piazza! 

Oggi trovi una piccola torre con orologio e semaforo orizzontale, esattamente nel punto dove sorgeva il semaforo di un tempo.

La prima ferrovia di Berlino

Nella piazza di Potsdamer alla fine del 1800 venne costruita la prima stazione ferroviaria di Berlino, qui infatti c’era il capolinea della ferrovia che portava a Potsdam. 
Oggi la moderna stazione sotterranea ospita le linee della U-Bahn e S-Bahn.

Come arrivare a Potsdamer Platz

Se sei alla Porta di Brandeburgo, puoi percorrere la distanza a piedi (circa 1 km). Altrimenti ci sono molti mezzi di trasporto che vi portano nella zona: metropolitana, ferrovia, taxi, bus… Se arrivi in auto c’è anche la possibilità di parcheggiare in uno dei numerosi parcheggi a pagamento della zona.

Ti suggeriamo

queste strutture

Le nostre scelte

Ti suggeriamo queste strutture

Plus Hostel Berlin

Berlino è ancora sotto il cuscino? Anche stanotte passeggiavi sotto la Colonna della Vittoria, tra le fontane del Volkspark e guardavi il muro dal check-point Charlie...

Scopri di più
Servizi principali

#change_passwod

Password modificata

Recupera password

Ti abbiamo appena inviato una nuova password per accedere al sito. Controlla la tua email.

Il presente sito web utilizza cookie per il funzionamento dello stesso e per registrare dati legati alla generazione di statistiche su Google Analytics. Per saperne di più o per negare il consenso all'utilizzo di tutti i cookie clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il presente banner si acconsente all'utilizzo.

Chiudi